Economia digitale: la virtual experience economy

Si sta diffondendo sempre di più la virtual experience economy che è costituita da quell’enorme massa di denaro che i mercati finanziari spostano grazie ad internet. Uno dei trend principali è il passaggio da un’economia in cui la domanda è costituita da consumatori di prodotti ad una nuova in cui i clienti sono alla costante ricerca di esperienze che vadano oltre il semplice acquisto. Le esperienze digitali rappresentano uno tra i più recenti status symbol in circolazione: nel 2017 l’economia esperienziale si fonde con esse dando vita alla così detta virtual experience economy.

Tutto ciò porterà ad una ridefinizione del concetto di consumatore, significando di conseguenza la creazione di nuove mode, trend e status, assolutamente rapidi, coinvolgenti e immateriali. Il consumatore è alla ricerca delle emozioni e delle sensazioni che i prodotti possono suscitare. Non si vendono più solamente scarpe da ginnastica, ma si vende la cultura dello sport e dell’attività fisica e del benessere che ne consegue. Il prodotto diventa sempre di più la forma attraverso cui comunicare un messaggio culturale.

La virtual experience economy rappresenta un mondo infinito e apparentemente senza limiti, in cui le contingenze legate a costi, accessibilità e capacità personali a cui siamo abituati, semplicemente non esistono più. I consumatori, infatti, desiderano essere coinvolti in tutto il processo che inizia dalla decisione di acquisto, passando per la scelta del prodotto fino all’acquisto e godimento dello stesso. Tuttavia, nonostante questo trend dipenda indissolubilmente dalla tecnologia, la virtual experience economy richiede una conoscenza approfondita del comportamento umano.

La virtual experience economy rappresenta dunque un mondo infinito e senza barriere, in cui le usuali limitazioni di costi, accessibilità e capacità personali, semplicemente non esistono più.  Il tratto distintivo delle virtual experience economy è la ricerca di esperienze digital che non siano divertimento fine a sé stesso ma che accrescano lo status del consumatore.

Author: admin